Animali

Ad ogni gatto la giusta lettiera

Ogni gatto ha le proprie esigenze e in fatto di lettiera non tutti sanno che esistono molte varianti di sabbia e diverse tipologie di cassette.  Facciamo una panoramica sugli aspetti da tenere in considerazione.

Lettiera per gatti chiusa o aperta?

La prima distinzione si può fare in base all’apertura o chiusura delle cassette: non si può sapere a priori se il tuo gatto preferirà una lettiera chiusa dove sentirsi al sicuro e protetto oppure una aperta dove può scavare liberamente senza barriere.

Quindi come scegliere la lettiera per gatti giusta? La dimensione del gatto è un fattore da non sottovalutare nella scelta della cassetta. Un gatto grande potrebbe trovare la lettiera chiusa troppo stretta, per questo motivo una cassetta aperta può essere la soluzione migliore.

Fate attenzione anche alla profondità della cassetta. Alla maggior parte dei gatti piace scavare per sotterrare i propri bisogni quindi, qualsiasi sia la scelta, fate attenzione a mettere un substrato di sabbia sufficientemente alto!

Mobile lettiera per gatti con ante e apertura sul lato
Mobiletto per lettiera PawHut a 2 ante

Se hai deciso di optare per il modello di lettiera chiusa ma non trovi un design che ti piaccia ti consigliamo un mobile lettiera.

I modelli più diffusi sono strutturati come normali mobiletti con ante. L’apertura con ante lascia ampio spazio per posizionare la cassetta e pulire l’interno quando è necessario. L’ingresso al mobile lettiera per il gatto può essere da un buco sulle ante oppure da un vano laterale. 

Questa è sicuramente la soluzione più discreta che si può trovare in commercio e permette anche di avere una base di appoggio dove lasciare oggetti e prodotti di uso quotidiano. 

Tipologie di sabbia per gatti

Vediamo adesso come si distinguono i tipi di sabbietta per gatti in base alla loro composizione:

  • Agglomerante: composta da un tipo di argilla che a contatto con l’urina forma dei grumi facili da rimuovere. A grana fine o grossa, offre il vantaggio di non dover cambiare ogni volta l’intera lettiera e tiene abbastanza bene gli odori.
  • Non agglomerante: composta da argilla che non forma palline a contatto con l’urina, la quale verrà invece raccolta sul fondo. In questo caso ad ogni cambio va ripulito tutto il composto. Il controllo dell’odore è maggiore.
  • Vegetale: biodegradabile, fatta di carta, terriccio o truciolato. Va cambiata spesso perché la capacità assorbente si riduce in fretta.
  • Gel di silicio: trattengono gli odori ma di contro sono più costose.

Manutenzione e posizionamento

Tutte le lettiere per gatti chiuse e aperte andrebbero lavate ogni 10 giorni con aceto o sgrassante. Per contrastare i cattivi odori si possono scegliere sabbiette profumate o appositi deodoranti che si possono trovare nei negozi di animali. Sconsigliato usare altri tipi di deodoranti, il cui odore potrebbe essere troppo forte per l’olfatto dei gatti e avere l’effetto di allontanarli dalla lettiera. Un metodo naturale per prevenire gli odori consiste nel mettere sul fondo della lettiera uno strato di bicarbonato

L’ultimo dilemma è dove mettere la lettiera? In commercio esistono delle soluzioni salvaspazio, come le lettiere ad angolo, o dal design minimalista e funzionale. Infine ricorda che i gatti sono abitudinari: una volta trovata la lettiera e la sabbia adatte al tuo micio non cambiarle, diversamente se trovi i bisogni sparsi per la casa è un chiaro segnale che devi apportare delle modifiche!

Hai già tutto quello che ti serve per i tuoi gatti? Leggi il nostro articolo I prodotti per gatti indispensabili per chi vuole adottare un micio per scoprire cosa manca ancora in casa tua.

Se hai voglia di viziare i tuoi gatti con regali sfiziosi corri su Aosom e scopri tutta la selezione di prodotti per animali!

Ti può interessare anche...